Una Storia

sempre colpa di chi tocca le immagini!

- Photo editing - Post produzione - Fotolito chiamiamola come ci pare ma la responsabilità del risultato è sempre di chi mette mano alla foto e questo, tutto sommato, è molto divertente. Siamo nel 1981, prima dell’avvento di photoshop e del digitale, si lavorava ancora con pellicole, forbici e pennelli. Nel vivo della campagna presidenziale per Mitterrand, ecco il racconto del mitico Jacques Séguéla,...

che paura!

Un certo genere di immagini create tramite intelligenza artificiale suscita un sorriso. Tuttavia, con il passare dei mesi, ci si trova di fronte a progressi davvero notevoli. In modo paradossale, il lavoro di fotolito (dire post produzione sarebbe riduttivo…) risulta ancora più essenziale rispetto alle immagini tradizionali. La calibrazione del colore e il fotoritocco rappresentano infatti un elemento vitale per conferire una...

fotolito e intelligenza artificiale

Un incontro tra l'età della pietra e il futuro digitale. Tutto per una vetrina. L’amico Maurizio mi ha chiesto l’utilizzo di alcune immagini viste sul mio profilo instagram realizzate con l’AI di Midjourney. Servono per realizzare i pannelli della vetrina del suo meraviglioso negozio di abbigliamento maschile, in centro a Seregno. Mi dice : “Le scarico da instagram e le faccio stampare”...

photoshop l’ho inventato io

Così avrebbe potuto tranquillamente affermare Luigi Veronesi (1908-1998). Come Leonardo da Vinci che ha immaginato l'elicottero secoli prima che fosse inventato, anche Luigi Veronesi è stato un visionario anticipando la nascita di Photoshop. Le sue opere includono copertine di libri, riviste, pubblicità e opere d'arte esposte in gallerie. Grazie alla sua creatività, ha prodotto e stampato immagini che sembrano un campionario di...

“A colori, io sogno sempre a colori!”

Adoro la scena iniziale del film “il Vedovo”, un film in bianco e nero, che più bianco e nero non si può! Alberto Sordi e il fido marchese Stucchi passeggiano nella notte sotto la torre Velasca: “I gamberetti che abbiamo mangiato ieri sera mi hanno fatto fare un sogno” … “in bianco e nero o a colori?” chiede con sudditanza il marchese. “A...

il maggiolino di Leonardo Da Vinci

Se l’avesse disegnata Leonardo l’avrebbe fatta in questo modo. Almeno così ha risposto Midjourney, il programma di intelligenza artificiale che crea immagini da descrizioni testuali. Un domanda totalmente inutile, come la risposta del resto, ma curiosa e divertente. Nell'attesa dell'imminente rivoluzione nel campo della produzione e post-produzione di immagini, giochiamo con l'auspicio che il futuro non si traduca in un disastro. Anzi (sogno...

metamorfosi urbana

Laura Rossini aveva necessità di alcune immagini milanesi, (zona Durini altissima risoluzione) per il suo progetto creativo: “Metamorfosi Urbana” commissionato da “Milano Design District”. Illuso di poter fotografare alla maniera di Gabriele Basilico, nel corso degli anni ho riempito qualche hard disk di foto urbane, Milano, Torino, Genova i soggetti preferiti, per fortuna ora servono a qualcosa. Un piacevole effetto aver...

fuori salone 2023

Gigi Lamèra, con l'accento sulla “e”, pronuncia alla milanese. Tagliava i fiori dalla lamiera, “per quell'assurdo amor …”. Personaggio drammatico, tipico della canzone dialettale, Enzo Jannacci e gli altri cantautori ne hanno uno adatto per ogni periferia: dalla Bovisa all’Ortica, da Lambrate al Giambellino. Passa qualche anno, dalle lamiere i designers ricavano ben altro e le periferie diventano il luogo perfetto per mostrare...

la cadrega e l’intelligenza artificiale

Non ho resistito e ho fatto questa precisa domanda nella chat AI: “puoi sviluppare questo concetto in modo ironico: ho chiesto all'intelligenza artificiale di parlare della cadrega, citando Gio Ponti" Ecco la risposta: Ah, l'intelligenza artificiale e la sua visione del mondo del design! Parliamo della cadrega, ma vediamo cosa ci riserva l'AI in chiave ironica. Allora, caro umano, hai chiesto alla mia intelligenza...

perché il Salone del Mobile?

La domanda cruciale rimane: perché il Salone del Mobile? Perché ancora dobbiamo ascoltare la solita storia dell'arredamento e del design ogni anno? C’è una motivazione tecnica, sportiva, politica e morale per tutto ciò che facciamo, compreso correre a 300 km/h in una macchina da corsa. Questa era la risposta che molte volte ha dato Enzo Ferrari, soprattutto quando era messo in difficoltà...